Home

 

LachiomaALEssandra

Home

Lale, ovvero le "mille trame delle nostre emozioni".

È fitta ma labile, la tela che intesse le costruzioni visive di Lale; a voler rappresentare la forza e la rassegnazione, tanto è spessa la sua trama quanto è fragile la ragnatela, le sue opere giocano su questa doppia valenza: COSTRIZIONE/LIBERTÀ.

La tela che costringe, opprime ma la cui trama lascia intravedere, sperare, librarsi..

Figure principalmente, che sono "rappresentazioni carnali" di inconsci mai svelati ma neanche mai troppo lontani dalla realtà; ed ecco allora intravedersi un sorriso, un sigaro, cenni, oggetti, che richiamano, rimandano, alludono, non fanno mai eclissare lo spettatore.

A ricordarci che la peggiore realtà è sempre meglio del miglior sogno.

 

Lale, or “a thousand plots of our emotions”

The spider’s web weaving Lale’s visual structures is thick but feeble. It represents the strength and the surrender; the more the plot is thick the more the web is feeble. Her works play with the double value: RESTRAINT/FREEDOM.

The web that constrains and oppresses but whose plot allows glimpsing, hoping, hovering…

The depictions are mainly “carnal representations” of an unconscious, never revealed even if not too far from the reality; so we can glimpse a smile, a cigar, waves and objects which recall, refer and hint, but never allow the audience to eclipse.

All the above reminds us that the worst reality is always better than the best dream.

 

Pietro Fabiani

Mostre ed Eventi in corso

 

Exhibitions and Events in progress

Copyright © All Rights Reserved